Nirvana: diferèntzias tra is versiones

2,548 bytes removed ,  13 years ago
no edit summary
No edit summary
In su Buddhismu su ''nirvāṇa'' est s'umiadroxu urtimu de sa pratica propia de su Dharma.
Su ''nirvāṇa'' intendiu commenti "agabbadura" est espostu, praticau e realizau de is praticantis de s'Eréntzia Theravada e tali ''nirvāṇa'' benit realizau gratzias a sa realizatzioni de sa Sbuidesa de su Sei de sa persona mentris benit ignorada sa Sbuidesa de su Sei de is fenomenus; su praticanti Theravāda praticat e realizat su Nobili Caminu de Otu Partis e is Cuatru Nobilis Beridadis, de su sunfrimentu, de s'origini sua, de s'agabbadura sua e de su caminu chi potat a s'agabbadura sua e, realizendi s'ammancàntzia de su Sei de sa persona sua in unu istadu de cumpleta suspidura gratzias a su de aì dominau sa pratica de su ''shamata'' e de su ''vipashyana'' in custa realizatzioni scrufit su ''nirvāṇa'' cun arrestu: po "arrestu" in custa ocasioni s'intendit ca esistit ancòra un'arrestu giau de is cincu ''skanda'', agregaus.
Cun sa morti s'Arhat scrufit sa Liberadura de is cincu agregaus e bivvit in unu istadu no manciau o contaminau de nisciuna impuridadi depida a su Karma o a is Afrigimentus Mentalis e sa natura de custu ''nirvāṇa'' est Paxi, commenti narat su cuartu de is Cuatru Sigillus de su Buddhismu "Su ''nirvāṇa'' est Paxi".{{de tradusi}}
Il ''nirvāṇa'' Mahāyāna è definto ''nirvāṇa''-non-dimorante siccome non dimora né nel ''saṃsāra'' né nel ''nirvāṇa'' Hīnayāna della pace individuale ma è lo stato completamente risvegliato di un Buddha ed è dotato del ''trikaya'', i Tre Corpi di un Buddha che sono il ''Dharmakaya'', il ''Sambhogakaya'' e il ''Nirmanakaya''.
Il ''nirvāṇa'' Mahāyāna viene realizzato attraversando i Cinque Sentieri e i Dieci Bhumi, Terreni, dei Bodhisattva, meditando ripetutamente la duplice Vacuità del Sé della Persona, ''Pudgalanairatmya'' e del Sé dei Fenomeni, ''Dharmanairatmya'' e impegnandosi strenuamente nella Pratica delle due Bodhicitta, quella dell'aspirazione e quella dell'Appplicazione che sono la Bodhicitta Relativa e la Bodhicitta Ultima che è precisamente la meditazione sulla duplice Vacuità.
Tutti gli esseri senzienti (per senzienti si intende aventi una mente) rinascono continuamente nei vari reami del ''saṃsāra'' e, benché la Natura di Buddha sia a loro inerente, non realizzano il ''nirvāṇa'' non-dimorante poiché non detengolo la capacità e la possibilità di meditare.
In questo modo, sebbene abbiano la potenzialità per realizzare il ''nirvāṇa'' non lo fanno e continuano indefintamente a rinascere nella sofferenza del ''saṃsāra''.
Il ''nirvāṇa'' Mahāyāna non è una cosa imprecisa o una semplice pace libera da inquietudini ma è lo stato dotato delle Saggezze Ultime e dotato dei Kaya che possono essere suddivisi in differenti modi come in due, Dharmakaya e Rupakaya, tre, Dharmakaya, Sambhogakaya e Nirmanakaya quattro con lo Svabavikakaya etc.
È la consapevolezza originaria di una mente primordialmente non-oscurata che dimora della natura ultima, l'elemento fondamentale, la Dharmata.
Quando si parla di identità tra ''saṃsāra'' e ''nirvāṇa'' si intende, tra tante altre cose, che il ''saṃsāra'' non ha altro luogo dove dimorare che non sia la mente che in essenza è la natura ultima di tutti i fenomeni, il ''Dharmadhatu'' e il ''nirvāṇa'' non può essere trovato indipendentemente dal ''saṃsāra'' poiché è basandosi sulla Verità Convenzionale che si può realizzare la Verità Ultima, come ha detto Nagarjuna: "Senza basarsi sulla Verità Convenzionale la Verità Ultima non può essere realizzata e senza realizzare la Verità Ultima il ''nirvāṇa'' non può essere raggiunto".
Da qua ''saṃsāra'' e ''nirvāṇa'' sono inscindibili, se c'è la saggezza di un Arya si ha il ''nirvāṇa'' altrimenti si ha solo il ''saṃsāra''.
 
== Bibliografia ==
Anonymous user